mercoledì 13 dicembre 2017

C'è di peggio

Ho rimaneggiato un po' "C'è di peggio", il mio primo romanzo, scritto in un momento di rabbia e agitazione... dopo un periodaccio, dopo la laurea, dopo un lavoro che odiavo e che non mi faceva respirare. Quando tutto sembrava andare male che "peggio di così"...
La laurea non mi aveva aperto nessun portone, nemmeno un cancello per dire. Mi capitò solo qualche stage retribuito pochissimo, dove ero sfruttata tantissimo. Poi il classico lavoro di merda stile generazione mille euro. E quando tutto va a rotoli, il resto può solo peggiorare. Ero incazzata con tutti, con il mondo e con me stessa perché non riuscivo a reagire.
Finalmente la crisi si accorse di me e affilò la sua mannaia: tutti a casa dopo 2 anni e mezzo. Manco il panettone a Natale, perché avremmo lavorato fino al 20 dicembre, e ormai... 
Quell'anno Babbo Natale arrivò in anticipo: contratto non rinnovato! Forse non avrei mai avuto il coraggio di licenziarmi. Di sti tempi chi molla il lavoro se non ci sono alternative?
Tornai a respirare. Cosa mi sarebbe piaciuto fare? Non lo sapevo più.
Iniziai a scrivere,  chissà poi perché.

La trama ristretta di "C'è di peggio" è più o meno questa: 

Vito e Violetta sono legati da una profonda amicizia, studiano entrambi filosofia e sono un po' cinici perché immersi in una società che non sembra dargli futuro. I due amici, alle prese con avventure che di amore romantico hanno ben poco, incontreranno una fanciulla musulmana finita nei guai per colpa di una tradizione che le sta un po' stretta. Un pomeriggio d'estate le loro sorti cambieranno...


Se vi va di leggere l'anteprima dopo tutto sto discorsone ecco qui:

https://ilmiolibro.kataweb.it/libro/narrativa/77883/c-di-peggio-2/?refresh_ce


Ciao ciao, 

Barbara

venerdì 10 novembre 2017

Le faremo sapere

Questa volta sarò brevissima, non sono mai stata ad Hollywood e non sono mai stalta molestata da Weinstein, anche perché come attrice sareli stata unlp))p canyylle. Credo di essere più brava a cucinare e lui ho dettopp tgutto. Per dire, il mio piatto forte è il toast col prosciutto cotto, se non si brucia. Questa breve introduzione per riportare la mia piccola esperienza sul "mondo del colloquio e del disagio". Le donne non sono tutte puttane e i maschi non sono tutti approfittatori e maiali, chiaramente. 
A me è successo più o meno tre, quattro volte di provare disagio durante un colloquio. Niente di troppo esplicito, ma non essendo ancora del tutto rincoglionita credo di percepire dal tono di voce o dall'espressione se l'incontro di lavoro prende una piega con qualche sfumatura di grigio di troppo.

lunedì 16 ottobre 2017

Amiche&appunti scarabocchiati

Il 30 luglio (2017), una calda domenica sera,  io e la mia amica Laura (Radio 24) abbiamo raccontato  Le bugie dei bravi ragazzi a Due Carrare (Padova)all'Art&Music Festival.

Abbiamo svelato qualche segreto sul romanzo, risposto a domande e condiviso riflessioni ed emozioni.
 
Eravamo emozionate perchè siamo amiche da sempre ed era dai tempi dell'università che non realizzavamo qualcosa di nostro, solo nostro.
Quando le proposi la serata mi disse subito:

venerdì 13 ottobre 2017

Blade Runner 2049 visto da una femmina

Sono stata al cinema a vedere Blade Runner 2049, in verità non sono una fanatica della fantascienza su pellicola o su carta stampata, ma il fatto che ci fosse Ryan Gosling come protagonista mi ha dato la spinta giusta per andare a vedere il film. Devo dire che secondo me Ryan in fatto di film ultimamente fa scelte oculate, quindi mi va quasi sempre bene. Poi il biglietto costava 4 euro... ancora meglio.

Credo di aver capito il film nonostante il genere, ma non farò SPOILER*.
Vorrei tanto scrivere una cosa riguardo a Drive e The Place Beyond the Pines (ovvero Come un tuono, titolo in italiano..), ma so già che poi non riuscirei a tenere per me una considerazione quindi non dirò niente a riguardo. 
Questa è in breve la trama, ci provo e ammetto di averne lette tre prima di scriverla per non fornire troppi dettagli rivelatori:
Nel 2049 i vecchi replicanti, ormai estinti e fuori legge, sono rimpiazzati da una nuova generazione di androidi. ** E fin qua tutto ok, si capisce.

martedì 12 settembre 2017

Paranoie in volo: e se il vicino di posto....

Allacciata la cintura, pronta al decollo e nel terzo sedile, quello vicino al finestrino ancora non si è seduto nessuno. Mancava relativamente poco alla partenza quindi, forse, non avrei avuto uno sconosciuto vicino a me per le due ore e mezza di volo. Seh.
E' proprio quando si formulano certi pensieri che avviene l'esatto contrario.
Tipo: oggi il prof. non interroga; mi sento che trovo parcheggio; il bus dovrebbe arrivare tra due minuti; magari il ciclo mi viene prima di partire. Seh. Il ciclo ti troverà sempre, ovunque tu decida si andare. Si sincronizzerà con le ferie,

sabato 29 luglio 2017

Teaser - Le bugie dei bravi ragazzi


Habemus Teaser!


Domenica sera, 30/07/'17 
dalle ore 21 circa:
io e la mia amica Laura (Radio 24) racconteremo Le bugie dei bravi ragazzi.

A Due Carrare - Padova
all'Art&Music Festival.





Grazie a Laura Faggin, amica di sempre e voce narrante.
A Miriam Lucchetti e a Silvio Lorenzi per aver prestato le voci ai personaggi del romanzo che ascolterete domenica sera.
Grazie a Paolo Corleoni - Sound Design e a Marco Lombardo.
Praticamente grazie a mezza Radio 24,
Vi adoro a distanza.
E pure a Matteo che mi ha aiutato con sto video.
 
Direi dalle 21.00 in poi, così prima riusciamo anche a bere un  po' Spritz e Birre...!

lunedì 17 luglio 2017

30/07/2017 Presentazione del romanzo "Le bugie dei bravi ragazzi"

SAVE THE DATE:
 

Io e Laura Faggin, tra le altre cose Producer a Radio 24, il 30 luglio (2017) presenteremo il romanzo Le bugie dei bravi ragazzi a Due Carrare, e promettiamo di essere più sobrie di così.
L'immagine può contenere: 2 persone, notte, occhiali e primo piano
Se vi va,
se avete letto il libro, 
se siete blogger,
se siete lettori,
se siete curiosi,
se non sapete
che fare, se siete in vacanza, se vorrete farci domande...
saremo lì!
Poi per l'orario e il luogo preciso vi farò sapere.

Laura oltre ad essere una mia grande amica, bella e brava, è una producer a Radio 24. 
Audiogrammi, "il cinema alla radio", è un programma che racconta le storie e le avventure dei personaggi di film italiani e stranieri, con un adattamento radiofonico che unisce voci narranti a dialoghi estratti dal film stesso. Un racconto nel racconto dove i suoni,le ambientazioni,le musiche e le voci prendono il posto delle immagini.